Le malghe di Pala Barzana

 

Situate lungo il versante meridionale del Monte Raut, di proprietà dei Conti Martinengo di Maniago, vennero costruite nel 1929-’30, con una superficie a pascolo di circa 200 ettari.

Monticate con manze o bestie da parto, muli, ovini e caprini, sono costituite da due strutture: la malga bassa, ora ristrutturata, situata a quota 950 metri e la malga alta, in stato di rudere, posta a quota 1120 metri. Un acquedotto attinge al rugo del Martelin e porta al deposito-cisterna che si trova tra le due malghe.

La monticazione, che raggiungeva a pieno regime un carico complessivo di 120 bovini e 200 ovini, avveniva, ad inizio stagione, nella località stavoli Pecòl, a quota 750 metri. A fine giugno, il bestiame si spostava alla malga bassa dove ne rimaneva la metà, mentre l’altra veniva trasferita, da fine luglio a settembre, alla malga alta.

In questa malga non troviamo la casera vera e propria, per la lavorazione del latte, in quanto l’erba dei pascoli (prevalentemente graminacee), dura ed esposta tutto il giorno al sole, non è adatta per l’alimentazione dei bovini da latte, ma solo per quelli da carne.