banner_coronamento_diga

Percorso coronamento Diga del Vajont

9 Ottobre 1963 …Per non dimenticare

Il ricordo del Vajont amplifica la sua risonanza storica sui luoghi della memoria.
Per non dimenticare quell’assurda tragedia del 1963 si effettuano visite guidate nelle zone più colpite dove rimangono dei segni indelebili: oltre all’immensa frana, capitelli, chiesette, scheletri architettonici e impressionanti pavimenti di case antiche che ogni anno gli abitanti della valle puliscono dalle erbacce per farli riemergere insieme ai ricordi delle vite che lì ci abitavano.

Le visite guidate brevi
sono indicate per chi in poco tempo (40 minuti circa) e vuole conoscere com’è nata la tragedia, i soprusi commessi fino agli ultimi attimi prima di quella tremenda notte. Gli informatori della memoria saranno a disposizione per accompagnarvi sul luogo sacro del coronamento della diga, miracolosamente rimasta intatta. Camminare sulla sommità della diga insieme al racconto è un modo per sentirsi parte di quella comunità defraudata e dispersa per ignobili scopi economici.

Visite guidate APPROFONDITE con le guide naturalistiche del Parco

Chi ha tempo da dedicare e vuole approfondire la storia dell’intera vicenda ha la possibilità di prenotare una visita guidata lunga che oltre al coronamento vi farà conoscere i luoghi simbolo del disastro del Vajont, alcuni nascosti, altri segreti dove entrare in punta di piedi. Assaporare la vita antica delle praterie che si affacciano ai paesi di Erto e di Casso, immaginare i lavori di un tempo, la semplicità delle serate intorno al fuoco. Vedere quello che resta del lago e il continuo lavoro della natura che sembra voler lenire queste cicatrici storiche facendo crescere piante, alberi e fiori preziosi sulle pendici del Monte Tóc e sulla frana. Luoghi di memoria che, insieme ai racconti delle Guide Naturalistiche delle Dolomiti Friulane, diventeranno metafore di indignazione sulle quali riflettere per capire, per non dimenticare.

Per info e prenotazioni telefonare al numero 0427.87333

VISITE GUIDATE CON LE GUIDE DOLOMITI FRIULANE

NEI GIORNI IN CUI SONO ATTIVE LE VISITE GUIDATE BREVI DI 40 MINUTI (vedere calendario sottostante) E’ POSSIBILE PRENOTARE (previo telefonata al numero 0427.87333) UN’UNICA VISITA GUIDATA APPROFONDITA DELLA DURATA DI 3 ORE CON  PARTENZA ALLE 10.00

CON LE GUIDE DOLOMITI FRIULANE
COSTO 10€/persona 5€ per ragazzi sotto i 14 anni

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

VISITE GUIDATE BREVI DI 40 MINUTI
DA PASQUA 2017 A NOVEMBRE 2017

                                                                                                          

 

Giugno e Luglio 2017: tutti i sabati e le domeniche

2 giugno (Festività) venerdì 2 giugno 2017


da sabato 29 luglio a domenica 3 settembre 2017
: tutti i giorni


SOSPENSIONI

domenica 20 agosto 2017: inizio visite alle 10.30 anziché dalle 10.00


Settembre 2017
: tutte i sabati e le domeniche

 

SOSPENSIONI

domenica 24 settembre 2017: inizio visite alle 14.30 anziché alle 10.00


Ottobre 2017:
tutte le domeniche e sabato 7 ottobre 2017

 

SOSPENSIONI

lunedì 9 ottobre 2017: ingresso gratuito senza visita guidata

 

Ognissanti (Festività) Mercoledì 1 novembre 2017

 

SOSPENSIONE INVERNALE

Info

  • Biglietteria: PRESSO PUNTO INFORMATIVO DIGA DEL VAJONT A ERTO E CASSO (PN)
  • Orari: dalle 10.00 alle ore 17.00 (ultimo ingresso)
  • Tariffa: 5 €
  • Durata della visita: 40 minuti

Parco Naturale Dolomiti Friulane

  • Tel: +39 0427 87333

Pro Loco Erto e Casso

Pro Loco Longarone

Pro Loco Vajont

AVVERTENZE:

  • Prestare la massima attenzione alle indicazioni degli operatori
  • Restare sempre con il gruppo
  • Procedere con cautela lungo  il percorso e durante la salita e la discesa delle scale
  • Non toccare apparecchiature, pannelli, fotografie e altri materiali
  • Mantenere la calma e ascoltare le indicazioni degli operatori senza assumere iniziative
  • Se si resta isolati, dirigersi verso l’entrata principale
  • Non entrare con calzature con i tacchi a spillo
  • Non abbandore rifiuti, non gettare oggetti
  • Non fumare
  • Il percorso non è adatto a chi soffre di vertigini e di crisi di panico

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

VEDI ANCHE
Centro visite di Erto e Casso

Mostre “La Catastrofe del Vajont – Uno spazio della memoria” e “Vajont: immagini e memorie”

Il Centro Visite di Erto e Casso (PN) è situato nel paese di Erto, nell’edificio delle ex-scuole elementari del paese.
E’ uno tra i più importanti e completi centri di documentazione sul disastro del Vajont e valido punto di riferimento per studi e ricerche.